La Scuola Montessori: tutto quello che devi sapere prima

La scuola Montessori è un’alternativa educativa sempre più popolare tra i genitori che cercano un’esperienza scolastica più personalizzata e orientata allo sviluppo individuale del bambino.

Fondata dalla pedagogista italiana Maria Montessori nel 1907, la metodologia Montessori si concentra sull’indipendenza, la creatività e l’apprendimento esperienziale.

In questa breve guida, esploreremo in dettaglio la filosofia Montessori, i principi che la guidano e i suoi effetti sull’apprendimento dei bambini.

Com’è una scuola Montessori?

Il metodo Montessori si basa sul lavoro del bambino in collaborazione con l’adulto. E questo approccio è quello applicato nelle scuole Montessori.

Nel 1929 fu «fondata l’Associazione Montessori Internationale (AMI)» per mantenere l’integrità del lavoro di Maria Montessori e per garantire che continuasse dopo la sua morte.

Questa associazione continua a formare insegnanti utilizzando gli strumenti e le teorie sviluppate da María Montessori e suo figlio.

https://www.youtube.com/watch?v=JS7mpZBjQRU

La scuola non è un luogo in cui l’insegnante trasmette conoscenze, ma un luogo in cui l’intelligenza e la psiche del bambino devono essere sviluppate attraverso un lavoro libero e autonomo con materiali didattici specializzati.

Le scuole Montessori hanno caratteristiche specifiche.

Tutto il materiale è ordinato, organizzato e preparato con cura affinché i bambini svolgano le attività e sviluppino le loro capacità.

Le aule sono sempre ambienti ampi e illuminati (preferibilmente con luce naturale) e tinteggiati con colori chiari e neutri.

Inoltre, hanno sempre un patio o un giardino in modo che anche i bambini possano fare attività e sperimentare all’aperto.

I materiali sono diversi a seconda dello stadio di sviluppo dei bambini

Il materiale è suddiviso in aree tematiche e le classi dispongono di spazi in modo che possano essere fruiti in gruppo o individualmente.

Ma, al di là delle caratteristiche dell’aula o dello spazio, il metodo Montessori nelle scuole è davvero diverso dal metodo applicato in una scuola tradizionale?

Differenze tra scuola Montessori e il sistema educativo tradizionale

Il sistema educativo tradizionale, applicato ancora oggi nelle scuole, è concepito per fornire ai bambini le conoscenze per entrare nel mondo del lavoro. O, in altre parole, è un sistema per addestrare il lavoro obbediente e docile.

Nel momento in cui questo sistema standardizzato iniziò ad essere implementato, aveva senso. Al giorno d’oggi non solo è obsoleto ma oserei dire che è dannoso per la crescita di bambini sani e felici.

Nelle scuole Montessori, invece, è l’insegnante che si mette al servizio del bambino affinché possa essere autonomo e apprendere seguendo i suoi istinti innati.

bambini che disegnano

Ordini vs. Libertà

La dottoressa María Montessori crea il metodo che oggi conosciamo con il suo nome, per garantire che i bambini si sviluppino all’interno di un sistema educativo che permetta loro di diventare la migliore versione di se stessi.

Dobbiamo tenere presente che a quel tempo la dott.ssa Montessori viveva in un contesto di guerra e che la sua idea era quella di creare un’educazione per raggiungere la pace.

Seguendo questa idea, il metodo Montessori dà libertà al bambino.

Se nel metodo tradizionale i bambini sono seduti ad un banco e devono svolgere i compiti che l’insegnante assegna loro quando decide lei.

Con il metodo Montessori, è il bambino che decide il tipo di attività che svolgerà e per quanto tempo lo svolgerà. Inoltre, non tutti i bambini devono svolgere la stessa attività o utilizzare lo stesso materiale.

Stessa età vs. fascia di età

Un’altra differenza è che nelle aule tradizionali tutti i bambini hanno la stessa età. Sono raggruppati per anno di nascita.

Tuttavia, con il metodo Montessori, ciò che si fa è raggruppare i bambini per fasce di età, tenendo conto dello stadio di sviluppo.

Ad esempio, in un gruppo ci possono essere bambini da 0 a 3 anni, in un altro dai 3 ai 6 anni, in un altro dai 6 ai 9 anni, ecc… E anche se i gruppi si formano, non si chiudono O.

C’è comunicazione tra loro e i più piccoli possono attingere alle conoscenze dei più grandi e allo stesso tempo permette anche ai più grandi, interagendo con i più piccoli, di rivedere le conoscenze e consolidarle.

Ambiente accademico vs. ambiente adattato

Nelle aule Montessori, ciò che si persegue è creare un ambiente che permetta al bambino di sviluppare il suo massimo potenziale.

Un ambiente preparato con materiali specifici per svolgere diverse attività educative.

E con mobili Montessori adattati alla taglia e all’altezza del bambino, in modo che possa svolgere queste attività da solo, senza dover ricorrere all’aiuto di un adulto.

montessori educazione

In altre parole, se il bambino ha bisogno di matite colorate per disegnare, queste saranno su uno scaffale Montessori dove potrà vedere quel materiale e raggiungerlo senza difficoltà.

Ciò contrasta con le aule didattiche convenzionali dove l’arredamento è progettato per gli insegnanti (con l’eccezione forse dei tavoli e delle sedie dei bambini) e dove viene immagazzinato il materiale che l’insegnante conserva e distribuisce.

Insegnante come centro vs. bambino come centro

Allo stesso modo in cui l’aula nelle scuole convenzionali è orientata all’insegnante, anche il metodo di insegnamento ruota attorno all’insegnante.

È lui che ha il ruolo attivo: pronuncia il suo discorso mentre gli studenti possono ascoltare e partecipare solo se l’insegnante dà loro il permesso.

Al contrario, nella’ scuola Montessori, l’insegnante è solo una guida che aiuta i bambini a scoprire il loro potenziale. Idealmente, non dovrai intervenire e la lezione si svolgerà solo sotto il tuo occhio vigile.

Influenza per insegnare vs. influenza per imparare

Un’altra differenza tra il sistema tradizionale e il metodo Montessori è che nel sistema tradizionale si tenta di influenzare la volontà del bambino quando si tratta di apprendere attraverso premi o punizioni.

I voti ne sono un chiaro esempio: fai come voglio io, ti do 10. Non ti sforzi e non dai le risposte giuste, ottieni uno zero.

La dottoressa María Montessori è partita dal presupposto che non è necessario incoraggiare i bambini a imparare, poiché la loro curiosità è innata e solo loro indagano, scoprono e giungono a conclusioni. Quindi l’obiettivo del suo metodo è raggiungere proprio questo: un ambiente che permetta al piccolo di esprimere la sua naturale voglia di imparare.

Potremmo dire che l’amore per l’apprendimento si coltiva con il metodo educativo Montessori. E proprio per questo i compiti e gli esami sono inesistenti. Perché dovrebbe esserci? Se i bambini imparano di loro spontanea volontà senza che tu dica o faccia nulla.

Tempo perso vs. tempo impiegato

Gli orari sono un altro punto che differenzia entrambi i metodi.

Nelle scuole tradizionali l’orario è lungo (dalle 9 del mattino alle 5 del pomeriggio) ea tutti i bambini viene assegnato lo stesso tempo per ogni materia. Ad esempio, due ore di matematica e lingua, un’ora di scienze…

Nelle scuole Montessori le ore sono più brevi. Perché? Perché ogni studente è libero di dedicare il tempo che vuole ad ogni attività. E quando sei molto bravo in una materia, puoi dedicarci meno tempo e più tempo a un’altra che presenta più sfide.

Il tempo è distribuito in modo più logico e proficuo e si ottengono risultati uguali o migliori rispetto a una scuola convenzionale ma con meno ore.

È meglio una scuola convenzionale o una scuola Montessori?

scuola montessori bambini

Lascio la risposta alla tua discrezione.

Ma ciò che è chiaro è che l’insuccesso scolastico è dovuto alla mancanza di motivazione ad apprendere.

E ciò che fa il metodo Montessori è migliorare la motivazione innata ad apprendere in ciascuna delle fasi dello sviluppo.

E quando il ritmo di apprendimento, gli interessi e le esigenze del bambino vengono rispettati, nasce l’amore per l’apprendimento e questo amore si mantiene per tutta la vita.

Domande frequenti

Vi lasciamo con una serie di domande comuni sulla scuola Montessori e sul suo tipo di insegnamento.

Cos’è la scuola per Montessori?

Il metodo Montessori si caratterizza per fornire un ambiente preparato: ordinato, estetico, semplice, reale, dove ogni elemento ha la sua ragione d’essere nello sviluppo dei bambini. L’aula Montessori integra le età raggruppate in periodi di 3 anni, il che promuove naturalmente la socializzazione, il rispetto e la solidarietà.

Cosa insegnano in una scuola Montessori?

Nelle scuole Montessori i bambini imparano a scrivere, leggere e contare in modo diverso rispetto alle scuole tradizionali, permettendo a ogni bambino di scoprire questa conoscenza man mano che le sue capacità cognitive si sviluppano e senza pressioni.

Quanto dura una lezione Montessori?

Lezioni: Durante tutta la giornata, nell’aula Montessori, sono previsti periodi di lavoro ininterrotti della durata di 2-3 ore. Durante quel periodo, i bambini ricevono lezioni individuali o in piccoli gruppi. Ma di solito le lezioni durano circa 10-20 minuti ciascuna.

Come sapere se una scuola è Montessori?

Un ambiente Montessori dovrebbe essere un luogo spazioso, ordinato, illuminato (preferibilmente luce naturale), con colori chiari e neutri, estetico, semplice, “reale”. L’ambiente è suddiviso in aree tematiche a seconda della classe e tutto deve essere ordinato e al suo posto, a meno che non sia utilizzato da un bambino.

Com’è lo studente nel metodo Montessori?

Lo studente dovrà valutare e valutare il proprio processo di apprendimento e apportare le modifiche necessarie. Ovviamente avranno sempre la supervisione e l’aiuto dell’insegnante, anche se cercheranno di mantenerlo il meno possibile.

Quanti bambini ci sono in una classe Montessori?

QUAL È IL NUMERO RACCOMANDATO DI BAMBINI IN UN’AULA MONTESSORI? Dal livello di 3 a 6 anni, il numero medio consigliato è di 25 bambini per gruppo, idealmente dovrebbero essere accompagnati da una guida e da un assistente.

Condividi questo post con chi è interessato 😉…

Lascia un commento

Elemento aggiunto al carrello.
0 items - 0,00