Metodo Reggio Emilia vs Montessori: differenze e somiglianze

Il Metodo Reggio Emilia vs Montessori hanno molti aspetti in comune ma differiscono su alcuni punti. Spiegherò qui quali sono questi punti senza giudicare nessuna delle due pedagogie. Come sapete, entrambi fanno parte della mia visione dell’Educazione, quindi prendo un po’ di ciascuno e vi incoraggio a fare lo stesso.

Se anche tu sei interessato a conoscere le differenze tra Montessori e Waldorf, ti consiglio questo link.

maria montessori

Principali analogie tra il Metodo Reggio Emilia vs Montessori

Queste due pedagogie hanno alcuni aspetti in comune che le rendono più vicine. Montessori e Reggio Emilia sono generalmente intese come pedagogie della Nuova Scuola. Fondamentalmente, queste pedagogie alternative si oppongono a quella che conosciamo come la scuola tradizionale. Sono d’accordo sui seguenti punti di vista:

  • Reggio Emilia e il metodo Montessori affermano che l’educazione deve girare intorno al bambino. Sono visioni in cui il bambino è il centro, il più importante.
  • Entrambi capiscono che l’educazione deve formare il bambino in modo integrale. Ciò significa che devi riempirlo non solo di conoscenze e abilità, ma anche di valori. Cioè, l’educazione non serve solo per ottenere una professione, ma per essere felici nella tua vita.
  • Le due pedagogie sottolineano che l’educazione ha la missione di creare cittadini che sappiano vivere in pace con gli altri cittadini.
  • Sia Reggio Emilia che Montessori usano i sensi per l’esplorazione. Attraverso di loro, i bambini ottengono le loro esperienze di apprendimento.
  • Queste pedagogie non credono negli esami o nelle prove per valutare i progressi e l’apprendimento dei bambini. Entrambe le pedagogie utilizzano i portfolio per documentare tali progressi. Sebbene la sua modalità di valutazione differisca in punti che vedremo più avanti.
loris

Differenze tra Metodo Reggio Emilia vs Montessori

ambiente maria montessori

Sebbene ci sia una grande coincidenza tra i fattori fondamentali di queste pedagogie, vedremo che il numero di differenze tra le due è piuttosto alto.

Differenze di origine ed espansione

Il metodo Montessori nasce nel 1907 quando Maria Montessori crea la sua prima scuola a Roma. Nel 1924 pubblicò il suo libro “Il metodo Montessori” creando la sua dottrina. L’Associazione Montessori Internationale (AMI) è stata creata nel 1929 dandogli visibilità internazionale. Dal suo arrivo negli Stati Uniti nel 1960 con la creazione della Scuola Montessori americana, si è diffuso in altri paesi. È arrivato in Spagna nel 1973, fondando l’Associazione spagnola Montessori a Madrid, anche se è stato solo nel 2013 che è stato riconosciuto dall’AMI. Se vuoi saperne di più sul suo sviluppo puoi leggere qui.

Dal canto suo, l’approccio reggiano è stato ideato da Loris Malaguzzi nel 1945. A differenza della Montessori, Malaguzzi non ha creato un metodo, né associazioni, né ha scritto molti libri. In effetti, in Wikipedia Spagna questo pedagogo non ha nemmeno una voce. Infatti secondo questo sito ci sono solo due scuole con focus reggino in tutta la Spagna. È arrivato anche negli Stati Uniti con un certo ritardo, dal momento che la Reggio Emilia Alliance nordamericana è stata fondata solo nel 1987.

Differenze nell Metodo Reggio Emilia vs Montessori

scuola felice

A livello metodologico ci sono notevoli differenze tra queste pedagogie.

1.- Curriculum.

Reggio Emilia non segue un curricolo specifico, ma approfondisce temi diversi man mano che emergono gli interessi dei bambini. Seguire l’interesse del bambino è un punto fondamentale per comprendere questa filosofia.

Nel metodo Montessori esiste invece un curriculum consolidato che comprende le aree di:

Matematica.
Lingua.
Sensoriale.
Vita pratica.
Cultura: include Geografia, Storia, Scienza e Musica.

2.- Lavoro in classe

L’approccio di Reggio Emilia funziona in piccoli gruppi, che sono flessibili e cambiano durante le attività. È apprendimento cooperativo e ogni studente può guidare l’insegnamento collettivo in una nuova direzione attraverso le proprie domande e interessi. Il lavoro a Reggio Emilia si fa attraverso i cento linguaggi del bambino, cioè attraverso la pittura, la scultura, le attività sensoriali, la musica, i racconti, e così via fino a cento.

Nel metodo Montessori i bambini lavorano individualmente con attività preparate dall’insegnante che il bambino sceglie liberamente. Il movimento è fondamentale in queste scuole, poiché i bambini si muovono liberamente, senza orari, attraverso i diversi ambienti predisposti.

scuola reggio emilia madrid

3.- L’insegnante

A Reggio Emilia si dice che il bambino è il primo insegnante, l’ambiente è il secondo e l’insegnante è il terzo insegnante. L’insegnante di Reggio partecipa all’apprendimento del bambino. La sua funzione è quella di collaborare.

Nel metodo Montessori, gli insegnanti sono l’anello di congiunzione tra il bambino e l’ambiente. La sua funzione è quella di guidare il bambino nell’apprendimento, per poi farsi da parte e lasciare che il bambino lo faccia in autonomia. Inoltre, per essere una guida Montessori devi seguire alcuni corsi per ottenere un certificato ufficiale.

Differenze nell’ambiente reggiano e montessoriano

Lo spazio-ambiente di Reggio Emilia

Nell’approccio reggiano l’ambiente è fondamentale perché, come abbiamo detto, è il secondo maestro. Gli spazi di Reggio sono pensati per ospitare attività di piccoli gruppi.

Prestano attenzione alle trame (vetro, legno, metallo, oggetti della natura), al colore e alla luce per ispirare l’apprendimento dei bambini. Per questo negli spazi reggiani è frequente trovare tavoli luminosi e proiettori. Inoltre, le scuole hanno spesso grandi finestre che consentono l’utilizzo della luce naturale.

C’è anche uno spazio chiamato “Atelier” o laboratorio d’arte, dove i bambini possono esplorare la loro creatività attraverso i suoi cento linguaggi. Il facilitatore del laboratorio è l’insegnante incaricato di guidare i bambini in quel laboratorio. Nel laboratorio possono svolgere attività di pittura, scultura e persino di falegnameria.

Lo spazio-ambiente reggiano presenta un’area di esposizione della documentazione. Tale documentazione include opere d’arte, scrittura per bambini, fotografia (vedi migliori fotocamera per bambini) e altri oggetti.

I materiali sono l’estensione del mondo in cui vive il bambino. È comune trovare oggetti della natura e dell’arte e della cultura locale.

Le attività sono presentate come provocazioni. In altre parole, si tratta di attività preparate in modo interessante, solitamente su un vassoio, una cornice o un tappetino, che invitano il bambino a partecipare. Sono generalmente attività a tempo indeterminato, in cui non esiste una soluzione giusta o sbagliata, che danno più peso al processo che al risultato. In questo articolo sul collage ho parlato di questo aspetto.

L’ambiente Montessori

Lo spazio Montessori è composto da aree pensate per attività di gruppo o lavoro individuale. Di solito usano tavoli da lavoro e il pavimento per lavorare e non usano scrivanie. L’arredamento è a misura di bambino e tutto è a portata di mano. Come forse saprai, ho scritto diversi articoli sulla decorazione Montessori che si possono applicare in casa, come questo sugli angoli lettura e questo sui letti Montessori.

I materiali sono organizzati per promuovere l’ordine e la pulizia. Sono materiali progettati in modo tale che se il bambino commette un errore, può riprovare fino a completare il puzzle o l’attività da solo.

Differenze di valutazione

Sopra ho commentato che sia Reggio Emilia che Montessori non credono nella tradizionale valutazione attraverso esami e test. Entrambe le pedagogie utilizzano portfolio (set di documentazione) per registrare i progressi e l’apprendimento di ogni bambino.

Nelle scuole Montessori, le registrazioni delle osservazioni sono fatte scientificamente dalle guide Montessori. Questi record di osservazione sono condivisi con la famiglia e il bambino almeno due volte l’anno e sono considerati privati.

Nell’approccio reggiano la documentazione è pubblica, perché come abbiamo detto sopra è esposta in classe affinché tutti possano vedere e imparare dai successi di ogni bambino. Poiché l’opera d’arte e la scrittura che il bambino produce sono considerate documentazione, tutte partecipano alla formazione del portfolio. I genitori sono inoltre invitati a contribuire con fotografie, opere o osservazioni che ritengono pertinenti a questo portfolio.

Nella valutazione Montessori si tiene conto delle fasi evolutive del bambino. L’approccio reggiano invece li considera inutili e addirittura controproducenti poiché ogni bambino ha il proprio ritmo.

conclusione

Come hai visto, entrambe le pedagogie hanno in comune dei fattori che le fanno appartenere al gruppo di filosofie della New School. Tuttavia, le loro differenze sono significative, non solo nell’estetica e nei processi, ma ovviamente nei risultati.

Si dice spesso che le scuole Montessori, basate sulla libertà e sull’individualismo dell’autonomia, danno origine a buoni dirigenti. D’altra parte, le scuole con approccio reggiano, attraverso i loro valori sociali e di cooperazione, si traducono in adulti validi per il lavoro di squadra. Diciamo che nelle scuole Montessori si valorizza l’approccio scientifico, mentre nelle scuole reggiane si valorizza maggiormente la parte creativa.

Dimmi se conoscevi le differenze tra queste dottrine pedagogiche.

Lasciami la tua opinione, dubbi e suggerimenti nei commenti. Potete seguirmi anche sui social network. Questi sono i miei account su Instagram, Pinterest e Twitter. Se sei anche un lettore incallito, puoi seguirmi su GoodReads. Infine, iscriviti per avere contenuti esclusivi e ricevere un regalo di benvenuto.

Grazie per avermi letto.

Condividi questo post con chi è interessato 😉…

Lascia un commento

Elemento aggiunto al carrello.
0 items - 0,00